Brescia, salgono i malati Covid al Poliambulanza: “In media 15 arrivi al giorno in pronto soccorso”


In crescita i ricoveri Covid anche all'ospedale Poliambulanza di Brescia dopo la fine delle festività. A Fanpage.it il direttore generale Alessandro Triboldi spiega che in pronto soccorso arrivano circa 10-15 pazienti al giorno: "Tutti Bresciani e la gran parte contagiati durante le feste in famiglia". Intanto continua la campagna vaccinale: del personale sanitario in 200 sarebbero in dubbio.
Continua a leggere

Al via il processo per la scomparsa di Mario Bozzoli, alla sbarra il nipote accusato di omicidio


È iniziato di fronte alla Corte d'Assise di Brescia il processo a Giacomo Bozzoli, accusato di omicidio per la scomparsa nel 2015 dello zio, Mario Bozzoli. Per la difesa del giovane "non ci sono prove" che l'imprenditore sia stato ucciso. "La memoria di mio marito merita rispetto. Non stiamo parlando di allontanamento volontario, ma di un omicidio", la replica della moglie della vittima.
Continua a leggere

In vista della terza ondata gli Spedali Civili di Brescia programmano fino a 500 posti Covid in più


Fino a 500 posti letto Covid in più. Questo quanto stanno programmando gli Spedali Civili di Brescia in vista della terza ondata di contagi da Coronavirus, attesa nelle prossime settimane. Il nosocomio bresciano ha deciso di "anticipare i tempi" per prepararsi al meglio e non lasciare indietro nessuno. Stesso discorso per molte delle realtà sanitarie territoriali: dagli ospedali al servizio di pronto intervento.
Continua a leggere

Pranzano seduti ai tavoli in un albergo, ma non sono clienti: 10 persone multate a Salò


Dieci persone sono state multate dai carabinieri a Salò, in provincia di Brescia, perché sorprese a mangiare ai tavoli di un albergo pur non essendo clienti della struttura. L'albergatore ha cercato di farli passare per clienti, ma non erano registrati né avevano bagagli con sé: l'hotel dovrà restare chiuso cinque giorni per violazione delle norme per il contenimento del Coronavirus.
Continua a leggere

“Nessun tirocinio per chi sceglie di non vaccinarsi”: a rischio sospensione gli allievi infermieri


C'è l'obbligo di vaccinarsi per gli studenti della facoltà di infermieristica dell'Università Cattolica se vogliono fare il tirocinio all'ospedale della Fondazione Poliambulanza di Brescia. Lo comunica la stessa struttura sanitaria inviando una email agli studenti: dei 240 ora dunque solo 4 hanno rifiutato il vaccino. Per il direttore generale Alessandro Triboldi: "Vaccinarsi è un dovere e ritengo sia un privilegio far parte di quella popolazione".
Continua a leggere

“Sesso con la sorella minorenne”: ragazzo 27enne a processo per violenza a Brescia


Un ragazzo di 27 anni è a processo davanti al tribunale di Brescia con l'accusa di violenza sessuale. Secondo la procura avrebbe abusato sessualmente della sorella, all'epoca dei fatti minorenne, costringendola a guardare film porno e a consumare rapporti sessuali completi. La ragazza ha trovato il coraggio di denunciare il fratello solo quando ha compiuto 18 anni: l'imputato rischia sette anni e mezzo di carcere.
Continua a leggere

Feste “clandestine” a casa con alcol, musica e senza mascherine: nei guai due gruppi di amici


Due feste "clandestine" a base di alcol e musica e senza nessun dispositivo anti contagio. È quello a cui si sono trovati davanti le forze di polizia di Mantova e di Paratico, paese in provincia di Brescia. In entrambi i casi a chiamare il 112 sono stati i vicini di casa stanchi degli schiamazzi e preoccupati per un possibile focolaio Covid.
Continua a leggere

Ernesto Torregrossa è un nuovo giocatore della Sampdoria: è ufficiale


Ernesto Torregrossa è un nuovo giocatore della Sampdoria. Ufficiale il passaggio in prestito con obbligo di riscatto dell'ormai ex attaccante del Brescia al club blucerchiato. Il centravanti di San Cataldo ha siglato un accordo di 4 anni e mezzi, mentre alle Rondinelle vanno 500 mila euro di prestito più 6 milioni di obbligo di riscatto, oltre ad alcuni bonus.
Continua a leggere

Rudiano, scontro frontale tra due auto dopo un sorpasso azzardato: muore un uomo di 49 anni


Un uomo di 49 anni ha perso la vita in un incidente stradale oggi 8 gennaio poco prima delle 8 in via Brescia a Rudiano, in provincia di Brescia. Causa del decesso sarebbe stato uno scontro frontale tra l'auto del 49enne e quella di un 19enne dopo un sorpasso azzardato. Grave, ma non in pericolo di vita, risulterebbe dell'altro automobilista.
Continua a leggere

Giovane modella trovata morta in casa a Lonato: lascia un figlio di un anno, disposta l’autopsia


Una donna di 28 anni, Naba Savane, è stata trovata morta all'interno della sua abitazione a Lonato del Garda, in provincia di Brescia. La 28enne, originaria di Desenzano, lavorava come modella e ballerina ed era madre di un bimbo di un anno. La procura ha disposto l'autopsia per accertare le cause del decesso: tra le ipotesi quella di un gesto estremo, a cui però la famiglia della modella non crede.
Continua a leggere

Caso Bozzoli: riaperta l’inchiesta sulla morte dell’operaio Ghirardini, ucciso dal cianuro


Il giudice per le indagini preliminari di Brescia ha deciso di non archiviare l'inchiesta sulla morte di Beppe Ghirardini, disponendo ulteriori indagini. Ghirardini è stato uno degli ultimi a vedere in vita l'imprenditore Mario Bozzoli, scomparso nel nulla l'8 ottobre del 2015. L'uomo, che era dipendente di Bozzoli nella fonderia di Marcheno, nel Bresciano, venne trovato morto dieci giorni dopo la scomparsa dell'imprenditore, per la cui morte è stato rinviato a giudizio uno dei nipoti.
Continua a leggere

Dopo la passerella galleggiante di Christo un’altra opera sul lago d’Iseo: le “mani” di Lorenzo Quinn


Dopo il grande successo della "passerella galleggiante" dell'artista Christo, arrivano sul Lago d'Iseo anche le "mani" giganti dell'artista Lorenzo Quinn. L'opera, pensata nel 2018, è stata ripescata dall'amministrazione comunale di Sulzano, comune in provincia di Brescia sul lago, per ridare speranza al territorio: "Sentiamo la necessità di ripartire nel 2021 con qualcosa di positivo", ha detto a Fanpage.it la sindaca Paola Pezzotti.
Continua a leggere

Festa di Capodanno vietata, chiuso il resort di lusso sul lago di Garda


È stato chiuso per cinque giorni lo Splendido bay luxury spa resort di Padenghe sul Garda, nel Bresciano, che la sera del 31 dicembre ha ospitato un veglione di Capodanno formalmente vietato le cui immagini sono state pubblicate su alcuni social network, alimentando molte polemiche. I 126 ospiti del party erano già stati multati: adesso è scattato il provvedimento per la struttura di lusso affacciata sul lago di Garda.
Continua a leggere

Festa di Capodanno vietata, gestore del resort di lusso sul Garda: “Chiedo umilmente scusa”


Arrivano dal suo profilo Facebook le scuse per quanto accaduto nella giornata del 31 dicembre nel resort sul Garda da lui gestito dove oltre 120 persone sono state multate per aver violato le disposizioni anti Covid del Dpcm. Ivan Favalli ha chiesto "umilmente scusa" dopo essersi reso conto di "aver offeso tutte le persone che in qualche modo hanno sofferto per il Covid".
Continua a leggere

Brescia, polemica per il video di auguri di Fratelli d’Italia con l’inno cantato durante il fascismo


È diventato un caso il video augurale realizzato da un sostenitore della sezione di Brescia di Fratelli d'Italia. Il filmato è infatti accompagnato come musica di sottofondo dall'Inno di Roma, scritto su musica di Puccini e diventato uno degli inni più diffusi durante il Fascismo, tanto che gli studenti dovevano impararlo a memoria a scuola. Il coordinatore provinciale del partito, il senatore Gianpietro Maffoni, ha parlato di "un'iniziativa personale di un singolo dal quale prendo le distanze". Il coordinatore cittadino ha invece evocato la "macchina del fango".
Continua a leggere

Festa di Capodanno in un resort di lusso sul Garda nonostante i divieti: multe per i 126 ospiti


Polemiche e multe. È finito così il party di Capodanno organizzato in un resort di lusso a Padenghe sul Garda, in provincia di Brescia. Centinaia di persone si sono ritrovate nonostante i divieti a bere e ballare senza mascherine, come immortalato in alcuni video finiti sui social network. Il titolare del locale ha provato a giustificarsi dicendo che si trattava di un pranzo, consentito, che si è poi protratto fino a notte inoltrata. La polizia locale ha annunciato che tutti gli oltre 120 ospiti saranno multati.
Continua a leggere

Prende a pugni la moglie, ma un giudice di Brescia archivia le indagini: “Fatto modesto”


"Un fatto di entità modesta". Con questa giustificazione il giudice per le indagini preliminari di Brescia ha archiviato le indagini per l'aggressione di un marito ai danni della moglie, presa a pugni dall'uomo. La donna si era ripresa solo dopo una corsa in ospedale e otto giorni di prognosi: non era la prima volta che subiva la violenza del coniuge.
Continua a leggere

Visano, si schianta in auto contro un palo della luce: grave 26enne incastrato tra le lamiere


Un ragazzo di 26 anni, nella serata di ieri mercoledì 30 dicembre a Visano, in provincia di Brescia, stava rientrando a casa quando ha perso il controllo della sua auto e si è schiantato contro un palo della luce. Il traliccio è crollato ed è finito sul tetto della macchina. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco che, dopo alcune ore, sono riusciti a liberarlo dalla lamiere che lo avevano intrappolato. Adesso è ricoverato all'ospedale di Brescia dove versa in gravi condizioni.
Continua a leggere

Soresina, picchia la moglie in ospedale: erano ricoverati perché positivi al Covid


A Soresina, in provincia di Cremona, un uomo ha insultato e picchiato la moglie in ospedale dove entrambi erano ricoverati perché risultati positivi al Coronavirus. Secondo le indagini dei carabinieri, non si tratta del primo maltrattamento. Per questo motivo è stato disposto per il marito, un 46enne, l'allontanamento dalla casa di famiglia.
Continua a leggere

Ghedi, fugge dall’incendio che gli brucia casa ma torna indietro per cercare di salvare il cane


Un uomo di Ghedi, paese in provincia di Brescia, è rimasto ferito a seguito di un incendio scoppiato nella sua abitazione, nella serata di ieri, martedì 29 dicembre. Secondo quanto riportato, l'uomo era riuscito a mettersi in salvo prima di tornare nell'appartamento per cercare di salvare il cane, purtroppo senza trovare fortuna.
Continua a leggere

Brescia, chi sono Don Tarcisio Mareschi e Fausta Pina: il prete e la maestra premiati da Mattarella


Sono Don Tarcisio Moreschi e la maestra Fausta Pina le persone scelte dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella per ricevere l'Onorificenza al Merito. I due hanno lasciato la città di Brescia per lavorare come volontari in Africa. Nel 2002 hanno fondato un centro che accoglie circa cento bambini, alcuni sieropositivi.
Continua a leggere

C’è una nuova variante Covid italiana, simile a quella inglese: è stata scoperta a Brescia


Una variante "italiana" del Coronavirus, simile a quella scoperta in Inghilterra, è stata individuata a Brescia. Lo ha annunciato il professor Arnaldo Caruso, direttore del Laboratorio di microbiologia e virologia degli Spedali Civili: ”È stata isolata ad agosto su un paziente asintomatico. Per tempi può essere considerato un virus antenato di quello inglese".
Continua a leggere

È positiva al Covid ma se ne va in giro per il paese: donna denunciata a Esine


Una donna di 40 anni è stata denunciata dai carabinieri a Esine, comune in provincia di Brescia, per aver violato il Dpcm. La 40enne è stata sorpresa dai militari dell'Arma mentre era in giro con la sua auto per le strade del paese nonostante fosse positiva al Coronavirus. Ha detto di aver violato la quarantena perché aveva necessità di andare nella sua azienda agricola.
Continua a leggere

Brescia, gli auguri di Natale dei vigili del fuoco ai bambini ricoverati nel reparto di pediatria


I vigili del fuoco del comando provinciale di Brescia si sono arrampicati fuori dall'ospedale Civili per portare i loro personalissimi auguri di Buon Natale ai bambini del reparto di pediatria. Così hanno potuto abbracciare virtualmente i piccoli in totale sicurezza e senza mai entrare nella struttura sanitaria.
Continua a leggere

Brescia, impiegato infedele ruba quasi 800mila euro dalle casse dell’azienda per cui lavora


Un vero e proprio impiegato infedele il contabile di un'azienda bresciana specializzata nella produzione di mangime per animali che è accusato di furto, ricettazione e autoriciclaggio per aver sottratto all'azienda quasi 800mila euro. Ad aiutarlo tre persone che avrebbero creato società false per coprire i pagamenti effettuati per rubare i soldi.
Continua a leggere

Omicidio di Jessica Mantovani: accertamenti su dieci auto e due furgoni degli indagati


Sono iniziate oggi in una carrozzeria di Erbusco, nel bresciano, le operazioni dei carabinieri che stanno cercando tracce di sangue su 12 mezzi intestati a otto persone indagate, con l'accusa di concorso in occultamento di cadavere per la morte di Jessica Mantovani, la 37enne trovata senza vita nella centrale idroelettrica di Prevalle.
Continua a leggere

Brescia, uccide la moglie per “delirio di gelosia” e viene assolto: le motivazioni della sentenza


È stato assolto lo scorso 9 dicembre dall'accusa di omicidio volontario poiché, al momento del delitto, era incapace di intendere e di volere per un vizio di mente dovuto a delirio di gelosia. Oggi, lunedì 21 dicembre, la Corte d'Assise di Brescia ha depositato le motivazioni della sentenza di assoluzione nei confronti dell'imputato.
Continua a leggere

È morto Giancarlo Orini, uno dei secessionisti che voleva occupare piazza San Marco con un “tanko”


È morto nella notte a Brescia, per le conseguenze di un infarto, Giancarlo Orini. Aveva 81 anni: nel 2014 era finito al centro delle cronache perché era stato arrestato assieme ad altri secessionisti con l'accusa di terrorismo. Lui e il suo gruppo dei "brescianissimi" avevano intenzione di occupare piazza San Marco a Venezia con un tanko, un carro armato autocostruito, che venne sequestrato in un'officina del Padovano. "Era goliardia", si difese Orini, che venne scagionato dall'accusa.
Continua a leggere

Omicidio di Jessica Mantovani, 8 nuovi indagati: avrebbero aiutato a occultare il cadavere


Otto persone sono indagate in concorso per l'occultamento del cadavere di Jessica Mantovani, la 37enne che nel giugno 2019 venne trovata morta nella centrale idroelettrica di Prevalle, nel Bresciano. Si aggiungono ai due uomini che sono accusati di aver ucciso la 37enne, che finora hanno sempre respinto ogni accusa e sono a piede libero.
Continua a leggere