Bergamo, nessun paziente in terapia intensiva nell’ospedale in Fiera: a marzo lo smantellamento?


"Se riusciremo ad arrivare al primo di marzo nella normalità, la Fiera potrà tornare a fare il suo mestiere". Questo l'auspicio e il messaggio di speranza del dottor Luca Lorini, direttore del Dipartimento area critica del Papa Giovanni XXIII, che a Bergamo Tv ha commentato la notizia per cui all'interno della terapia intensiva dell'ospedale in Fiera della città orobica non vi siano più pazienti.
Continua a leggere

Treviglio, l’azienda la pedina durante la malattia, poi la licenzia: giudice reintegra impiegata


Si era fatta operare per un problema al polso sinistro, tornando ad una vita pressoché normale dopo qualche giorno di immobilizzazione totale, su consiglio medico. Eppure l'azienda per cui lavorava l'ha fatta pedinare e poi l'ha licenziata, asserendo che potesse tornare al lavoro. Il giudice però le ha dato ragione e il suo datore di lavoro ha dovuto reintegrarla, pagandole i mesi persi. La storia di Sonia Assanelli.
Continua a leggere

Bergamo, inchiesta sul piano pandemico Covid: “Attivato in ritardo”


In questi giorni i procuratori di Bergamo hanno ascoltato alcuni tecnici e dirigenti del ministero della Salute. Stando a quanto emerso, il piano pandemico per il Covid oltre a essere rimasto fermo al 2006 sarebbe stato attivato in ritardo. Non si esclude che in questi giorni, i procuratori decidano di ascoltare il ministro Roberto Speranza.
Continua a leggere

Treviglio, multato perché legge su una panchina il giornale: respinto il ricorso dell’anziano


La Prefettura ha rigettato il ricorso dell'anziano di 81 anni multato lo scorso novembre perché seduto su una panchina in una piazza di Treviglio, in provincia di Bergamo, a leggere il giornale in piena zona rossa. Per la Prefettura l'uomo non era residente nel Comune. Così ora il pensionato dovrà pagare i 400 euro di multa più un supplemento di 9 euro per aver perso il ricorso.
Continua a leggere

Brescia e Bergamo prime città in Europa per morti da smog: lo studio sulla rivista Lancet


Brescia e Bergamo condividono un non invidiabile primato: sono le città in Europa col più alto numero di decessi prematuri a causa dello smog. A rivelarlo uno studio pubblicato sulla rivista "The Lancet Planetary Health" che prende in esame le città europee più inquinate da particolato fine (il Pm2,5) e da biossido di azoto (No2). Tra queste ultime c'è Milano.
Continua a leggere

A Bergamo i parametri covid sono quasi da zona bianca: il report dell’Ats


L'agenzia di tutela della salute di Bergamo ha inviato un report al Comitato tecnico scientifico nazionale in cui mostra come i dati non siano "da zona rossa". Dall'analisi infatti sembrerebbe che i numeri rendano la provincia più vicina alla zona bianca. A essere contenuti non sono solo il numero di contagiati e il rapporto tra positivi e tamponi, ma anche il livello di occupazione dei posti in ospedale.
Continua a leggere

Inchiesta Alzano Lombardo, segretario generale della Salute Ruocco ascoltato in Procura a Bergamo


Il segretario generale del ministero della Salute italiano Giuseppe Ruocco è arrivato nella mattinata di oggi, lunedì 18 gennaio, nella Procura di Bergamo. Ruocco verrà sentito dai pubblici ministeri che stanno indagando sulla gestione dell'epidemia Covid nell'ospedale di Alzano Lombardo in quanto persona informata sui fatti sul mancato aggiornamento del piano pandemico nazionale.
Continua a leggere

Perde il controllo della moto per evitare il fratello e cade, 16enne ricoverato in terapia intensiva


Avrebbe perso il controllo della moto su cui viaggiava, una Ktm 125, nel tentativo di evitare il fratello, proveniente dalla corsia opposta, sbattendo violentemente la testa e provocandosi una frattura al femore. Un ragazzo di 16 anni è stato ricoverato in terapia intensiva all'ospedale Papa Giovanni di Bergamo dopo l'incidente accaduto a Scanzorosciate.
Continua a leggere

Funerali di Claudio Rossi, soccorritore morto travolto da una valanga: “Una vita per gli altri”


Si sono tenuti questa mattina a Bonate Sopra, in provincia di Bergamo, i funerali di Claudio Rossi. Il soccorritore 42enne è morto mercoledì travolto da una valanga mentre praticava scialpinismo sui monti della Valle Imagna. Claudio è rimasto per circa due ore sotto la neve: inutile il trasporto d'urgenza in ospedale. A piangerlo oggi la moglie, i due figli e tutti i parenti, gli amici e i colleghi.
Continua a leggere

Bergamo: tre fratelli under 30 guidano l’azienda in memoria del padre morto per Covid


A Villongo, in provincia di Bergamo, tre fratelli under 30 hanno preso in mano le redini dell'azienda di famiglia. L'obiettivo è quello di portare avanti la visione e il sogno del papà, morto ad aprile a causa del Coronavirus. La notizia ha entusiasmato anche il governatore Attilio Fontana che in una videochiamata si è complimentato con i ragazzi per il loro progetto.
Continua a leggere

Lombardia zona rossa, il sindaco Gori chiede la deroga per Bergamo


Il sindaco di Bergamo Giorgio Gori e il presidente della provincia Gianfranco Gafforelli chiedono una deroga contro la zona rossa per il loro territorio, al centro della pandemia durante la prima ondata: "Crediamo si possano comprendere le difficoltà cui il protrarsi delle limitazioni sottopone i cittadini dei nostri territori". Ad oggi infatti i dati qui non preoccupano, contano 61 positivi ogni 100mila abitanti, ben sotto alla soglia limite.
Continua a leggere

Primo caso di variante inglese del Covid-19 rilevato in provincia di Bergamo


La variante inglese del Covid-19 è arrivata anche in provincia di Bergamo. Ne dà comunicazione l'Asst Bergamo Ovest certificando il contagio di un passeggero rientrato di recente dal Regno Unito che è stato sottoposto a tampone presso il drive-through. Intanto, in Lombardia, nelle ultime 24 ore sono stati segnalati 2.587 i nuovi casi su 28.645 tamponi effettuati.
Continua a leggere

Tragico incidente stradale a Zogno: furgone si ribalta, uomo viene sbalzato fuori e muore


Un uomo di 66 anni è morto all'alba di oggi, domenica 10 gennaio, a seguito di un incidente stradale. Il tragico episodio si è verificato a Zogno, in provincia di Bergamo. L'uomo, residente nella zona, ha perso il controllo del mezzo per cause da accertare: il suo furgone si è ribaltato e il 66enne è stato sbalzato fuori e travolto dallo stesso veicolo, morendo sul colpo.
Continua a leggere

Omicidio Franco Colleoni, l’autopsia: il figlio gli ha fracassato il cranio contro un cordolo


L'ex segretario provinciale della Lega Franco Colleoni è morto a causa di ripetuti colpi alla testa. A rivelarlo i primi esiti dell'autopsia, eseguita ieri 7 gennaio, che confermano il quadro indiziario: il figlio di Colleoni, Francesco, avrebbe sbattuto più volte la testa del padre contro un cordolo in pietra che delimita il cortile della sua casa di Brembo di Dalmine, in provincia di Bergamo.
Continua a leggere

Bergamo, minaccia un autista con una pistola giocattolo: “L’ho fatto per far divertire i miei figli”


A Bergamo un uomo ha affiancato con la sua auto un autobus. Ha quindi estratto una pistola e minacciato l'autista intimandogli, dal finestrino, di stare in silenzio. Subito dopo si è allontanato proseguendo verso il quartiere di Monterosso. Grazie alle immagini delle telecamere di video-sorveglianza, i poliziotti sono risaliti alla sua identità. Durante la perquisizione dell'auto, hanno trovato la pistola e scoperto che in realtà era un giocattolo. L'uomo ha detto di averlo fatto solo per far divertire i figli: è stato denunciato.
Continua a leggere

Omicidio Franco Colleoni, il figlio Francesco e la confessione tra le lacrime: “Ho rovinato tutto”


Una confessione parziale avvenuta tra le lacrime e la disperazione quella di Francesco Colleoni arrestato con l'accusa di aver ucciso il padre Franco, ex segretario provinciale della Lega a Bergamo, trovato morto a Dalmine con diverse ferite alla testa la mattina del 2 gennaio. Oggi si terrà l'interrogatorio dinanzi al gip mentre l'autopsia chiarirà le cause del decesso del 68enne: "Ho commesso l’errore più grande della mia vita", le parole del 34enne ai carabinieri.
Continua a leggere

Omicidio ex segretario provinciale della Lega, il figlio ammette: “L’ho ucciso io, non ricordo come”


Il figlio dell'ex segretario provinciale della Lega di Bergamo, ucciso a Dalmine (Bg), avrebbe ammesso l'omicidio del genitore. Secondo quanto riportato, l'ammissione di colpa sarebbe arrivata durante l'interrogatorio dei carabinieri che l'hanno arrestato. L'uomo, un 34enne, non ricorderebbe però come sarebbe arrivato ad uccidere il padre.
Continua a leggere

Vaccini anti Covid, Spata (Ordine medici): “Lombardia in ritardo? Temo manchi personale”


Critiche a Regione Lombardia per la partenza in ritardo della campagna vaccinale anti Covid. La somministrazione è ancora ferma al 3 per cento, ma l'assessore regionale Giulio Gallera ha assicurato che dal 4 gennaio saranno inoculate 6mila dosi al giorno. Scettico Gianluigi Spata, presidente della Federazione regionale degli ordini dei medici e degli odontoiatri: "Io temo che al di là delle ferie manchi il personale". Intanto la Asst Bergamo ovest ha iniziato con un giorno di anticipo le vaccinazioni.
Continua a leggere

Ex segretario della Lega ucciso a Dalmine: la lite col figlio per la trattoria “Il Carroccio”


Ci sarebbe una lite sulla gestione del ristorante di famiglia, la trattoria "Il Carroccio" di Dalmine, all'origine dell'omicidio di Franco Colleoni, ex assessore e segretario provinciale bergamasco della Lega. I carabinieri hanno arrestato il figlio 34enne, cuoco nel locale, con l'accusa di omicidio volontario dopo alcune, parziali, ammissioni.
Continua a leggere

Chi era Franco Colleoni, ex segretario provinciale della Lega ucciso in casa


Franco Colleoni, 68enne ex segretario provinciale della Lega a Bergamo, è l'uomo trovato morto questa mattina nel cortile della sua proprietà a Brembo di Dalmine, in provincia di Bergamo. Colleoni, leghista della prima ora, gestiva il ristorante-trattoria "Al Carroccio". È stato trovato col cranio sfondato: i carabinieri di Treviglio indagano per omicidio.
Continua a leggere

Uomo trovato morto a Brembo di Dalmine con ferite alla testa: si indaga per omicidio


Un uomo è stato trovato morto nella mattinata di oggi, sabato 2 gennaio a Brembo, frazione di Dalmine in provincia di Bergamo. Il corpo presentava evidenti ferite alla testa: si ipotizza che possa essersi trattato di un omicidio, ma sono ancora in corso le indagini da parte dei carabinieri, giunti sul posto assieme alla polizia locale e ai soccorritori del 118.
Continua a leggere

“I morti nei camion a Bergamo una fake news”: consigliera della Lega querelata per la frase choc


Il Comune di Bergamo ha ufficialmente querelato Eleonora Leoncini, consigliera comunale della Lega a San Casciano, in Toscana, che durante una seduta online del consiglio comunale bollò come "fake news" la foto delle bare trasportate dai camion dell'Esercito a Bergamo lo scorso marzo, nel pieno della prima ondata della pandemia di Coronavirus.
Continua a leggere

Orio al Serio, uomo scomparso da casa da due giorni: si cerca Gualberto Dovere


Ore d'ansia a Orio al Serio, in provincia di Bergamo, per la famiglia di Gualberto Dovere. L'uomo, un 43enne sposato, è scomparso da ormai due giorni: si è allontanato da casa a piedi la mattina del 31 dicembre e da allora non ha più dato sue notizie. La famiglia ha diffuso un appello su Facebook, chiedendo a chiunque dovesse vederlo di informare le forze dell'ordine.
Continua a leggere

Bergamo, 26enne si schianta con l’auto la notte di Capodanno e muore: ferito l’amico


È un ragazzo di 26 anni la vittima dell'incidente stradale avvenuto la notte di Capodanno a Bergamo in via Carducci. Il giovane stava viaggiando a bordo della propria auto insieme con un amico di 21 anni quando è avvenuto lo schianto: sul posto sono giunti i soccorritori del 118 insieme con gli agenti della polizia stradale e i vigili del fuoco.
Continua a leggere

Elena, morta a 19 anni nell’incendio in ospedale a Bergamo mentre era legata: due indagati


Sono due le persone indagate per la morte della 19enne Elena Casetto avvenuta il 13 agosto 2019 quando un incendio ha distrutto la stanza d'ospedale del Papa Giovanni XXIII di Bergamo dove era ricoverata dopo un tentativo di suicidio. Le indagini preliminari sono state chiude dal pubblico ministero Letizia Ruggeri che ha iscritto nel registro degli indagati o due addetti della squadra antincendio intervenuti il giorno del rogo.
Continua a leggere