L’Iran scende in piazza contro il caro-benzina

Le proteste sono iniziate venerdì 15 novembre e non accennano a diminuire. Questo nonostante le minacce della polizia e il placet al rincaro della Guida suprema iraniana Ali Khamenei.

Continua la rivolta della benzina in Iran per protestare contro l’aumento dei prezzi del carburante annunciato dalla Repubblica islamica iraniana dopo le sanzioni economiche inflitte dagli Usa. Decine le città che da venerdì 15 novembre sono in rivolta dopo la decisione presa dal governo. Gli scontri più duri a Teheran dove negli scontri sono morte almeno due persone, anche se fonti non ufficiali e vicine ai manifestanti parlano di oltre una decina di vittime.

LA POLIZIA AMMONISCE I MANIFESTANTI

Intanto la polizia iraniana ha lanciato un monito a coloro che «creano insicurezza e disordine». Il riferimento è alle manifestazioni degli ultimi due giorni che ha provocato diversi disordini in tutto il Paese. Le forze dell’ordine hanno annunciato che identificheranno e affronteranno «con decisione i provocatori e i capi che hanno creato le tensioni». Una minaccia concreta portata avanti dal portavoce della polizia, il generale Ahmad Nourian.

KHAMENEI SOSTIENE L’AUMENTO DELLA BENZINA

In questo clima di forti tensioni spicca la voce di Ali Khamenei. La Guida suprema iraniana ha infatti manifestato il suo appoggio alla decisione governativa di razionare e aumentare i prezzi della benzina. Lo ha fatto attraverso un discorso riportato dalla televisione di Stato. Khamenei ha anche additato i manifestanti come banditi poiché responsabili degli incidenti avvenuti durante le proteste di piazza. «Io non sono un esperto, ma poiché la scelta è stata fatta dai capi dei tre rami istituzionali, la sostengo», ha detto. Per poi aggiungere: «Le proteste violente non risolveranno niente, ma porteranno solo insicurezza nel Paese»

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Sciopero di 48 ore dei benzinai il 6 e 7 novembre

La protesta dei gestori contro i nuovi adempimenti, dalla fatturazione elettronica all'introduzione dei registratori di cassa telematici.

È scattato alle sei della mattina del 6 novembre lo sciopero dei benzinai indetto da Faib Confesercenti, Fegica Cisl e Figisc Anisa Confcommercio per 48 ore. La mobilitazione prevede la chiusura degli impianti stradali e
autostradali
. I gestori protestano contro i nuovi adempimenti, ritenuti ‘inutili e onerosi’, tra cui la fatturazione elettronica, i registratori di cassa telematici, l’introduzione di documenti di trasporto (Das). Lo sciopero terminerà alle ore 6.00 di venerdì 8 novembre.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it