Luis Suarez in lacrime ha salutato i compagni del Barcellona: andrà all’Atletico


Luis Suarez è stato filmato mentre lasciava il centro sportivo del Barcellona in lacrime. L'attaccante uruguaiano è infatti pronto a vestire la maglia dell'Atletico Madrid dopo 6 stagioni trascorse in Catalogna. Firmerà un contratto biennale con i 'Colchoneros' andando a rinforzare la rosa di Simeone che ha spinto per averlo in squadra.
Continua a leggere

Dove giocherà Suarez, la lista nera del Barcellona: non può andare al Napoli


Secondo le ultime indiscrezioni di mercato, il Barcellona ha una lista nera di squadre a cui non vuole cedere Luis Suarez. Tra queste c'è il Napoli, mentre manca l'Atletico Madrid. Una situazione che dunque ha ulteriormente indisposto il Pistolero che non capisce i motivi della frenata del Barcellona nel discorso relativo alla buonuscita per il trasferimento ai Colchoneros.
Continua a leggere

Dalla Spagna, stop all’operazione Suarez-Atletico: il Barça non vuole rinforzare una rivale


Il Barcellona ha bloccato il trasferimento di Luis Suarez all'Atletico Madrid. Dalla Spagna, secondo 'Sport'. la società blaugrana non avrebbe alcuna intenzione di rinforzare una diretta rivale in Liga e in Champions League. Una condizione che complica i piani dei 'Colchoneros' che nella notte hanno lasciato partire Morata verso la Juventus.
Continua a leggere

Inter-Vidal, ci siamo: domani sarà a Milano, poi visite mediche e firma


Arturo Vidal sarà presto un nuovo giocatore dell'Inter. Il centrocampista cileno potrebbe essere a Milano già nella giornata di domani per poi andare a svolgere le visite mediche di rito domenica prima della firma sul suo nuovo contratto con l'Inter. L'ormai ex Barcellona percepirà un contratto di circa 6 milioni netti a stagione per i prossimi due anni.
Continua a leggere

Tito Vilanova e il rapporto speciale con Messi: dal ‘falso nueve’ alla promessa in punto di morte


Determinante per la carriera di Leo Messi è stato Tito Vilanova, che per quattro anni è stato il vice di Guardiola e poi è stato promosso allenatore. Vilanova fu l'uomo che convinse Guardiola a far giocare Messi da 'falso nueve' e parlando con Leo gli fece capire, nel 2014, che lasciare Barcellona non era una buona idea.
Continua a leggere

Messi in nazionale, il Barcellona può perderlo per 3 partite di campionato


L'Argentina è intenzionata a convocare Lionel Messi in nazionale per le prossime partite. In caso di chiamata, il Barcellona dovrà rinunciare al giocatore per quasi un mese. Salterà le prime 3 gare della Liga per rispettare i protocolli anti-coronavirus che prevedono due settimane di quarantena una volta sbarcati nel Paese perché provenienti da un altro Stato.
Continua a leggere

Suarez-Juventus, frenata: pace con Koeman e problemi con il passaporto


Luis Suarez, obiettivo di mercato della Juventus, potrebbe alla fine giocare per un'altra stagione con il Barcellona. Il bomber, che per sbarcare in Serie A ha bisogno di superare un esame d'italiano, ha finalmente parlato con il tecnico Ronald Koeman che, come riferiscono dall'Uruguay, gli avrebbe garantito tanto spazio nel caso dovesse rimanere un'altra stagione al Barcellona.
Continua a leggere

Bartomeu e Messi, nuove tensioni in vista: il Barça vuol tagliare l’ingaggio dell’argentino


Nei prossimi giorni Bartomeu incontrerà Messi per aggiornare la situazione, dopo il tentativo di fuga dell'argentino, e per chiedergli uno sforzo economico. Di fronte alle perdite di bilancio del club, dovute anche alla pandemia, il presidente vuole infatti rivedere verso il basso l'ingaggio della 'Pulce' e quello del resto della rosa di Ronald Koeman.
Continua a leggere

“Devo prenderti a calci”, la reazione di Messi alla marcatura asfissiante


Javier Ribelles è il calciatore del Nastic di Terragona che in amichevole non ha dato tregua a Lionel Messi. Lo ha marcato con le buone e le cattive maniere pur di bloccarlo. Dopo l'ennesimo fallo subito, l'argentino ha sbottato: "Ma cosa stai facendo, idiota? Vuoi smetterla di prendermi a calci?". La replica: "Non te la prendere. Sei il migliore al mondo e devo fermarti".
Continua a leggere

Suarez alla Juventus, trattativa ferma. E lui posta contro le “fake news”


Seguito da giorni dalla Juventus, pronta all'assalto finale con il Barcellona e a fargli indossare la maglia bianconera, Luis Suarez è tornato a 'parlare' attraverso il suo profilo Instagram, tirando in ballo presunte 'fake news' sul suo stato di forma e su quello che sarà il suo prossimo club. Secondo la stampa spagnola, l'uruguaiano non sarebbe infatti pienamente convinto di trasferirsi in Italia.
Continua a leggere

Luis Enrique: “Messi? Meglio se sto zitto. Il Barça viene prima di tutto”


Il commissario tecnico della Spagna, che in passato è stato anche sulla panchina del Barcellona, ha commentato la telenovela tra il club catalano e Leo Messi: "È una questione molto delicata, e una riflessione generale sarebbe che è meglio se sto zitto. Sarà triste il giorno in cui se ne andrà, ma il club continuerà a vincere titoli anche senza di lui".
Continua a leggere

Suarez alla Juve, come cambia lo scenario dopo la decisione di Messi di restare al Barcellona


Leo Messi resta al Barcellona e la sua decisione può mutare in parte lo scenario che si andava delineando in casa blaugrana. Tra le situazioni più calde, anche la separazione con Luis Suarez, promesso sposo della Juventus. Sull'uruguaiano, però, la dirigenza catalana sembra aver preso una decisione definitiva.
Continua a leggere

Messi-Barcellona, il retroscena dello scontro: resta solo perché non può andarsene


Lionel Messi ha scelto di non forzare la mano ed evitare una pericolosa battaglia legale per liberarsi dal Barcellona. Il campione ha ribadito il proprio diritto a esercitare la clausola risolutiva ma dinanzi al rischio di un contenzioso non si è spinto oltre. Del resto, il City è stato chiaro: nessuna trattativa è possibile con strascichi giudiziari in corso.
Continua a leggere

Lionel Messi resta al Barcellona: “Volevo andarmene da tempo, resto perché va pagata la clausola”


Lionel Messi resta al Barcellona. L'argentino ha confermato in via definitiva la sua decisione, spiegando i retroscena dell'ultima stagione in blaugrana: "Per tutto l'anno ho detto al presidente che volevo andar via. Resto perché l'unico modo per farlo era pagare la clausola da 700 milioni. L'alternativa era finire in tribunale, contro il Barcellona non l'avrei mai fatto".
Continua a leggere