Banksy a San Valentino regala alla sua Bristol il cuore infranto di Cupido


Un murales di Banksy è apparso sulla facciata di un edificio a Bristol, in Inghilterra. L’opera raffigura una bambina a il cuore infranto di Cupido, a simboleggiare la festa del giorno in cui si festeggiano gli innamorati. L'artista dall'identità sconosciuta ha postato le immagini dell'opera sul suo profilo Instagram, già preso d'assalto dai commenti dei suoi fan e followers.
Continua a leggere

Museo della lingua italiana a Santa Maria Novella, dove Dante immaginò la Divina Commedia


Dopo l'annuncio del premier Conte e il sopralluogo di Dario Franceschini, con ogni probabilità sarà un'ala del complesso monumentale di Santa Maria Novella a Firenze ad ospitare il Museo della lingua italiana. Un luogo simbolico ma non solo: fu in questi luoghi che Dante Alighieri studiò l'impianto filosofico della Divina Commedia.
Continua a leggere

Achille Lauro a Sanremo, dalla Puglia: “Altro che San Francesco, è la Madonna Addolorata”


Achille Lauro al Festival di Sanremo: da San Francesco d'Assisi a David Bowie, passando per Sabrina Ferilli ne "La grande bellezza" di Paolo Sorrentino. Sui social si sprecano gli accostamenti e le citazioni della performance del cantautore romano. Ma dalla Puglia fanno sommessamente notare che somiglia alla Madonna Addolorata di San Severo, in provincia di Foggia.
Continua a leggere

5 imperdibili mostre di febbraio 2020 in Italia: da Georges de La Tour a Helmut Newton


Dalla pittura seicentesca di Georges de La Tour alla fotografia di moda di Helmut Newton, in tutta Italia il mese di febbraio sarà ricco di mostre da non perdere, alcune delle quali per la prima volta in assoluto nel nostro Paese: da Roma a Napoli, passando per Milano, Genova e Torino, ecco cinque esposizioni assolutamente da visitare.
Continua a leggere

Un artista chiamato Banksy, a Ferrara la mostra sull’artista misterioso voluta da Sgarbi


Dal 1 maggio 2020, al palazzo Diamanti di Ferrara, la mostra "Un artista chiamato Banksy" dedicata all'opera del misterioso artista britannico, da sempre contrario alla musealizzazione della sua opera.. Ad annunciarlo il neo presidente di Ferrara Arte, Vittorio Sgarbi. Dopo la mostra, il palazzo ferrarese chiuderà i battenti per ristrutturazione.
Continua a leggere

Il museo più visitato in Italia? Il Pantheon di Roma, che è gratuito


Secondo i dati diffusi dal MiBact, il sito culturale più visitato in Italia è il Pantheon di Roma. Più del Colosseo, degli Uffizi, di Pompei. A influire sui 9 milioni di visitatori la gratuità del monumento capitolino. Dove è sepolto uno dei più grandi artisti italiani, quel Raffaello che nel 2020 sarà al centro dell'anno culturale del nostro Paese.
Continua a leggere

Musei, calano visitatori dei giardini storici per il cambiamento climatico


I dati diffusi dal MiBact raccontano la crescita esponenziale dei visitatori in tutti i musei italiani, dal Lazio alla Toscana, passando per il boom dei musei e siti culturali campani. Eppure la diminuzione, per la prima volta dopo molti anni, dei visitatori nei giardini storici, ci pone davanti al problema del modo in cui il cambiamento climatico sta impattando sulla fruizione dei siti culturali.
Continua a leggere

Le opere acquistate illegalmente o rubate che l’Italia chiede indietro

Dal corredo paleocristiano comprato da Hitler nel '41 a Roma all'anfora del 490 a.C ora esposta al Louvre: i dossier aperti.

Sebbene poco se ne parli, il mercato nero delle opere d’arte è più vasto di quel che si pensi.

Secondo l’ultimo bollettino del Comando dei CarabinieriTutela Patrimonio Culturale, nel solo 2018 ci sono stati 474 furti (419 nel 2017) per un totale di 8.045 opere trafugate (6.255 nel 2017).

La maggior parte di queste vengono recuperate prima che possano varcare i confini nazionali. Ma altre volte questo accade e, rivendute da privati a case d’asta, finiscono così anche in musei e gallerie esteri.

LA DIRETTIVA UE PER LA COOPERAZIONE AMMINISTRATIVA

È qui che, secondo quanto stabilito dalla direttiva europea in merito alla cooperazione amministrativa, i Paesi che ritengono di essere proprietari di un bene illecitamente sottratto, possono avviare un’istruttoria per la sua restituzione. Nel corso del 2019 il ministero per i Beni culturali ha portato avanti 20 procedimenti con diversi Paesi europei, dalla Germania al Regno Unito fino alla Norvegia, alcuni dei quali chiusi positivamente, altri invece ancora in corso.

QUANDO HITLER COMPRAVA E SOTTRAEVA LE OPERE ITALIANE

Per via del nazismo è inevitabilmente la Germania il Paese a cui abbiamo indirizzato più richieste di restituzione. Come nel caso del «corredo in argento dei sei opere religiose di arte paleocristiana del VI secolo dopo Cristo». Parliamo di reperti ritrovati nel 1935 a Canoscio, frazione del comune di Città di Castello (Perugia) e ora individuati presso quattro diversi musei tedeschi: l’Antike Sammlungen di Monaco di Baviera, il Bode Museum di Berlino, il Remisch-Germanisches Zentralmuseum di Magonza; il Reimisch-Germanisches Museum di Colonia. Quanto emerso dalle ricerche giudiziarie ha dell’incredibile: i sei oggetti furono acquistati il 22 maggio 1941 a Roma direttamente da Adolf Hitler, tramite il suo intermediario Hans Posse (curatore della collezione privata che lo stesso Hitler voleva creare) con la mediazione del principe Filippo d’Assia. Alla fine della guerra, poi, tutti gli oggetti d’arte appartenuti a Hitler furono confiscati dalle Forze Alleate di occupazione: ciò che era stato acquisito con la violenza o illegalmente fu restituito ai legittimi proprietari; quanto sembrava essere stato acquistato in modo legale passò, nel 1949, in custodia al governo della Repubblica Federale tedesca.

LEGGI ANCHE: L’ultimo sfregio ai tesori di Dresda, la “Firenze sull’Elba”

LE RICHIESTE DI RESTITUZIONE IN ATTO

Oggi, però, è in piedi una richiesta di restituzione da parte dell’Italia. In altri casi, invece, l’opera è già tornata, come nel caso del dipinto Il vaso di Fiori di Jan Van Huysum, sottratto a Palazzo Pitti nel 1943 dalle truppe naziste: dopo varie richieste, alla fine l’opera è tornata in Italia il 19 luglio 2019. Si è, invece, ancora in trattativa per quanto riguarda tre vasi apuli del IV secolo avanti Cristo; una moneta d’oro «del tipo Magnus Maximum, coniata nell’augusta Treverorum (attuale Treviri)», rubata nel 2009 dal Museo nazionale di Parma e rispuntata in una casa d’asta tedesca specializzata in numismatica; altri quattro reperti del IV secolo avanti Cristo oggi in possesso dell’università di Kiel Christian Albrechts.

Una foto scattata durante il resoconto dell’attività operativa del Comando dei Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale, Roma 17 aprile 2019 (Ansa).

I PROCEDIMENTI CON IL REGNO UNITO COMPLICATI DALLA BREXIT

Anche le opere trafugate potrebbero restare “vittime” della Brexit. Ne è un esempio il quadro Madonna con bambino, attribuito negli Anni 90 a Giotto. L’opera, si legge nella relazione del Mibact, «si trova illecitamente nel Regno Unito in quanto l’originario atto di circolazione è stato ritenuto illegittimo dalla magistratura amministrativa italiana». Per tale ragione l’Art Council England, l’Autorità inglese responsabile del rilascio delle licenze di esportazioni, ha rifiutato il rilascio di una licenza di esportazione in Svizzera del quadro. Da lì è nata una diatriba senza fine: la proprietaria del quadro, la collezionista Kathleen Simonis, ha fatto ricorso alla giustizia amministrativa inglese. Il procedimento si è concluso con il rigetto del ricorso, ma tale decisione è stata di nuovo impugnata da Simonis e adesso il procedimento è ancora in corso. Risultato? «Al momento non è possibile ipotizzare gli esiti del procedimento, anche tenuto conto delle conseguenze sul caso della Brexit».

LEGGI ANCHE: Un “art detective” ha ritrovato un Picasso sparito da 20 anni

Iter diverso e positivo, invece, hanno vissuto le opere rientrate nel 2019 in Italia: i due disegni di Giacomo Quarenghi rubati dalla Biblioteca Civica di Bergamo e custoditi fino a marzo 2019 presso il Victoria & Albert di Londra; e i due dipinti di Francesco GuardiAndata del Bucintoro verso Son Niccolò al Lido e Ritorno del Bucintoro verso Palazzo Ducale – usciti illecitamente dall’Italia rispettivamente nel 2008 e nel 2015.

I DOSSIER APERTI CON SPAGNA, NORVEGIA E FRANCIA

Ma non è finita qui. Il nostro Paese è dal 2002 in attesa di riappropriarsi di 34 reperti archeologici illecitamente usciti dal territorio italiano e oggi custoditi al Museo Arqueològico Nacional di Madrid. Anche in questo caso la storia è piuttosto curiosa: dopo varie richieste bocciate dalla Spagna, ulteriori indagini dei Carabinieri hanno permesso di appurare che nello stesso museo ci sarebbero «altri cinque reperti di illecita provenienza italiana».

LEGGI ANCHE: La storia del Klimt ritrovato a Piacenza

In Norvegia, invece, sarebbero state ritrovate due monete antiche e anche in questo caso il procedimento è ancora in corso. Esattamente come per l’affresco «raffigurante San Bartolomeo sottratto da una chiesa rupestre di Teano (Caserta)» e oggi esposto al Museo Bizantino e Cristiano di Atene. Non poteva, infine, mancare la Francia. Accanto al manoscritto di Tommaso da Celano Vita intermedia riguardante il passaggio tra il periodo “mondano” e quello “religioso” di San Francesco d’Assisi («di notevole importanza storico artistica», scrive il Mibact) trafugato nel Convento di Val de’ Varri (L’Aquila) e oggi conservato alla Bibllothèque Nationale de France, spicca l’anfora panatenaica del 490 a.C: oggi per vederla bisogna andare al Louvre.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Amedeo Modigliani: 100 anni fa moriva il grande artista livornese


La vita e l’arte di Amedeo Modigliani conservano ancora oggi, a distanza di un secolo esatto dalla morte, un fascino senza precedenti. Fascino derivato dall'immagine di artista "dannato" e reso ancor più emblematico da capolavori unici, che non ebbero paragoni nel clima artistico europeo del primo Novecento. Tanti i racconti di Modì: ecco quello, affettuoso, del pittore Jacques Lipchitz e quello, emozionante e illuminante, fatto da Angelo Longoni nell'ultima biografia pubblicata per Giunti Editore.
Continua a leggere

The Whale, il Museo Subacqueo delle Balene migratrici in Norvegia


Si chiama "The Whale" ed è il Museo subacqueo delle balene sull'isola di Andøya, in Norvegia, a 300 chilometri dal circolo polare artico. Qui dal 2022, in una struttura che somiglia alla coda di un cetaceo, sarà possibile visitare in uno spazio di 4500 metri quadrati, attraverso delle vetrate, le grandi balene migratrici che nuotano nel Mar del Nord.
Continua a leggere

Raffaello, dopo 500 anni la sua morte è ancora un mistero: sifilide o avvelenamento?


Il protagonista assoluto di questo 2020 sarà Raffaello: quest’anno, infatti, ricorre il quinto centenario dalla scomparsa del genio urbinate. Il 6 aprile 1520, lo stesso giorno del suo compleanno, il Sanzio muore dopo quindici giorni di febbre e salassi inutili. La reale causa della malattia resterà però un mistero: le ipotesi sono affascinanti, e contribuiscono a farci conoscere meglio anche la sua vita al di là dell’arte.
Continua a leggere

Dante a 700 anni dalla morte: l’opera di Leonardo Frigo ispirata alla Divina Commedia


Giovanissimo, una laurea in restauro all'Università di Venezia e una carriera già avviata a Londra, Leonardo Frigo si prepara a far parlare di sé anche in Italia: spera, l’anno prossimo, quando si celebrerà il 700° anniversario dalla morte di Dante Alighieri. Il motivo è semplice: Leonardo sta ultimando il suo progetto ispirato alla Divina Commedia, che lo ha spinto a dipingere tutti i Canti dell’Inferno su alcuni bellissimi violini. I video del suo lavoro sono già diventati virali su Instagram.
Continua a leggere

Parma Capitale italiana Cultura 2020: tutte le mostre e gli eventi da non perdere


Dai capolavori commissionati dai Farnese alle opere di Parmigianino e Duchamp, passando per gli omaggi a Guareschi, Stendhal e Arturo Toscanini, l’anno di Parma Capitale italiana della Cultura 2020 sarà più ricco che mai: ecco alcuni degli appuntamenti da non perdere in città da febbraio a dicembre fra mostre, convegni e concerti.
Continua a leggere

Alda Merini e “Il verso d’amore sul Naviglio”: la mostra al Salone della Cultura di Milano


Alda Merini pubblicò migliaia di libri, dove scrisse i suoi versi poetici intensi e sofferti. Al Salone della Cultura di Milano, il prossimo 18 e 19 gennaio, alla mostra "Il verso d'amore sul Naviglio" sarà possibile conoscere i libri, la poesia e il mondo della grande poetessa milanese. In tutto oltre mezzo milione di titoli esposti nella due giorni meneghina.
Continua a leggere

Amedeo Modigliani: tutti gli eventi a 100 anni dalla morte


Da Livorno, città natale di Amedeo Modigliani, a Roma, fino ad arrivare in Cina. Il 2020 è l'anno in cui cade il centenario della morte di Modì, il genio livornese che nella sua breve vita realizzò un numero impressionante di capolavori. Che quest'anno sarà possibile ammirare in tantissime tra mostre, eventi, convegni in giro per l'Italia e nel mondo.
Continua a leggere

Martin Scorsese porta il Lirico di Cagliari negli USA con un film sul teatro sardo


Un concerto del 1826 di cui si erano perse le tracce è al centro del film-documentario "The Oratorio" con Martin Scorsese, che racconta la riscoperta e prima esecuzione moderna, ad opera del Lirico di Cagliari, del concerto "Oratorio for the Benefit of the Orphan Asylum". Il film sarà proiettato in anteprima mondiale a Santa Barbara, in California, il 23 gennaio.
Continua a leggere

Van Gogh e i colori della vita: a Padova la più grande mostra sul pittore olandese


La mostra “I colori della vita“, a cura di Marco Goldin fino all’11 aprile 2021 sarà al Centro Altinate San Gaetano di Padova. L'allestimento raccoglie 125 opere, tra cui 80 di Vincent Van Gogh, e ripercorre la carriera del grande pittore fiammingo attraverso i luoghi e le città della sua vita, dal Belgio all'Olanda, fino alla Francia.
Continua a leggere

Parma Capitale italiana della Cultura 2020: l’inaugurazione, con 3 giorni di eventi


Si è ufficialmente aperto l’anno di Parma Capitale italiana della Cultura: tre giorni di eventi, mostre, concerti ed iniziative per aprire al meglio questo 2020 tutto emiliano. Il programma culturale è stato inaugurato ufficialmente domenica 12 gennaio alla presenza del presidente della Repubblica Mattarella che ha ricordato come "la cultura è dialogo e relazione. Essa si nutre di creatività e confronto, ed è più ricca quando si apre al rispetto delle differenze".
Continua a leggere

Le donne nell’arte: da Tiziano a Boldini, una grande mostra a Brescia le racconta


Santa Cecilia, Giuditta e Cleopatra, grandi dame e semplici popolane: sono loro le assolute protagoniste della mostra "Donne nell'arte. Da Tiziano a Boldini" che inaugurerà il 18 gennaio 2020 a Palazzo Martinengo a Brescia. Un’occasione per riscoprire i grandi capolavori del passato e per tornare a riflettere, attraverso l’arte, sui grandi temi sociali attuali.
Continua a leggere