Portogallo, la Villa Romana de Rabaçal si trasforma


In Portogallo esiste un grande complesso residenziale di epoca romana di rara importanza che presto sarà interessato da un importante progetto di trasformazione volto a valorizzare e rendere il sito archeologico più fruibile. Il team composto da Sara Maduro Unip. Lda (Officexsmrs), Sossio de Vita e Giuseppe Parisi, si è aggiudicato il primo premio al concorso di progettazione per il Museo Archeologico.
Continua a leggere

Vele, Zen, Pilastro e Serpentone: il fallimento dell’utopia

Il 20 febbraio è partita la demolizione delle strutture di Scampia set di Gomorra. Ma sono tanti i quartieri modello pensati per favorire la socialità scivolati nel degrado. Da Palermo a Roma, da Bologna alla Bergamasca con la cittadella di Zingonia.

Da Le Corbusier a Gomorra. La grande architettura del 900 finito malinconicamente a fare da sfondo per i film e le serie sulla camorra, e ora addirittura con una dispendiosa demolizione salutata come segno di speranza pluripartisan.

Giusto Roberto Saviano fa qualche puntualizzazione. «Cade la Vela verde ma non basta per abbattere Gomorra», avverte proprio colui che con i suoi best-seller ha più contribuito a raccontare al mondo come il complesso realizzato tra 1962 e 1975 fosse diventato simbolo di degrado.

«Le Vele non sono responsabili del male di Scampia», spiega. Ricorda che Franz Di Salvo, «un geniale architetto», si era appunto ispirato allo spirito architettonico del tempo, nell’idea di ridurre l’appartamento a un minimo indispensabile ed economico, proiettando la vita in una dimensione collettiva esterna. E osserva che questa idea di «ricostruire lo spirito dei vicoli in un condominio» in effetti ha funzionato in Costa Azzurra, con le Vele gemelle di Villeneuve-Loubet.

vele scampia storia renzi
L’inizio dell’abbattimento della Vela Verde a Scampia.

«Tra gli appartamenti più ambiti d’Europa». Ma «le Vele non furono realizzate come il piano prevedeva». Non si fecero i servizi, e con le occupazioni di famiglie senza casa dopo il terremoto del 1980 la camorra ebbe gioco facilissimo nel trasformare le Vele in un suo regno.  

IL SERPENTONE ROMANO

Ma non è solo un problema napoletano. «Tu giganteggi monumentale, nel brullo paesaggio di nuovo Corviale / ma nel vederti domando e dico, che cazzo d’uomo t’ha concepito», è il violentissimo testo dedicato nel 1993 dai Santarita Sakkascia al “Serpentoneromano di Nuovo Corviale

Un brano riecheggiante la leggenda urbana secondo la quale l’architetto Mario Fiorentino dopo aver visto il risultato si sarebbe suicidato.

UN ALVEARE RESIDENZIALE DA RECORD

Quell’edificio unico lungo un chilometro per 8.500 persone, servito da cinque corpi scale-ascensori e ballatoi interni a distribuzione degli alloggi, fu interamente prefabbricato in stabilimento nelle sue componenti strutturali e di finitura architettonica.

Il Serpentone di Corviale, il ‘manifesto’ dell’architettura Anni 70 trasformatosi in una mini-città ghetto (Ansa).

Alveare residenziale su 11 livelli strutturato a partire da singole unità abitative sul modello de Les unitès d’habitation di Le Corbusier (come del resto le Vele di Scampia), fu soprannominato subito “Serpentone” ed è tutt’ora il più grande edificio residenziale mai realizzato in Italia. Da subito venne contestato, ma Fiorentino lo difese sempre, spiegando che voleva lasciare un «segno sulla campagna» stile mura romane. In effetti, la sua carriera accademica toccò i vertici proprio allora. Morì di infarto a soli 64 anni nel giorno di Natale del 1982, prima che il “Serpentone” fosse completato. 

IL PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE

Tuttora nel “Serpentone” vivono 4.500 persone.«Serpentone, serpentone / alveare di cemento/ tu ti nutri di persone», cantano ancora i Santarita Sakkascia. «Assomigli al Verano/ solamente più spartano/ tetro come una prigione». Anche in questo caso, il progetto era quello di un edificio completamente autonomo con quattro teatri all’aperto, uffici circoscrizionali, biblioteca, scuole dall’asilo alle medie, servizi sanitari, mercato, una sala riunioni di 500 posti e un intero quarto piano esclusivamente dedicato alle attività commerciali e artigianali. Ma le abitazioni iniziarono a essere consegnate tra 1982 e 1984 senza che fossero terminati i servizi. E cominciarono puntuali le occupazioni. Oltre 700 famiglie installandosi proprio al quarto piano fecero saltare tutto lo schema. Il generale abbandono ha fatto il resto, anche se poi qualche servizio è stato effettivamente inserito. Scartata l’idea di abbattimento proposta tra gli altri da Massimiliano Fuksas, dal 2008 è stato approvato un «piano di rinascita».

Un momento del sit in indetto dagli abitanti dello Zen, esasperati dalla montagna di rifiuti, Palermo, 29 gennaio 2020 (Ansa).

QUANDO BENNATO CANTAVA LO ZEN

«Zona Espansione Nord – abbreviazione: Zen/ Non c’è ragione no – non c’è ragione/ Quartiere di Palermo – città d’Italia/ Non c’è ragione no – non c’è ragione/ Zona Espansione Nord – abbreviazione: ZEN/ Non c’è ragione no – non c’è ragione/ Anno quarantatré della Repubblica/ Età industriale, quinta potenza al mondo!», cantava nel 1989 Edoardo Bennato.

«Progettazione: all’avanguardia/ Somma espressione dell’urbanistica». 16 mila abitanti, lo Zen di Palermo è suddiviso in due aree, divise dalla Chiesa monumentale di San Filippo Neri. Se lo Zen 1 è più o meno in regola, lo Zen 2, costruito a partire dal 1969 su progetto dell’architetto Vittorio Gregotti, è restato invece una entità avulsa. Anche qui, a una peculiare struttura architettonica a insulae si sono aggiunti ritardi burocratici, occupazioni e mancata realizzazione di servizi. Tuttora è in gran parte senza fognature, manca manutenzione, e ovviamente si è insediata la mafia. Anche in questo caso Fuksas aveva proposto di abbattere tutto. 

IL VIRGOLONE DEL PILASTRO

La citofonata elettorale di Matteo Salvini ha riportato all’attenzione nazionale anche il Pilastro di Bologna. Concepito nel 1962, inaugurato nel 1966, il quartiere è stato oggetto di ulteriori interventi di riqualificazione  a metà degli Anni 80 e attorno al 2000. Nei primi Anni 90 divenne uno dei teatri dei delitti della Uno Bianca. Il simbolo del Pilastro è il Virgolone, l’edificio di alcune centinaia di metri a forma di virgola. Gli architetti, coordinati da Giorgio Trebbi, si sarebbero ispirati a modelli sovietici per creare un quartiere autonomo con pochi collegamenti rispetto al resto della città, ma già dotato di tutti i servizi. Cosa che non avvenne.

Matteo Salvini nel maggio 2019 a Zingonia (Ansa).

IL PARADISO PERDUTO DI ZINGONIA

Ancora più a Nord è Zingonia: progetto urbano realizzato nella seconda metà degli Anni 60 dall’architetto Franco Negri su richiesta dell’imprenditore Renzo Zingone, e ubicato in provincia di Bergamo tra i comuni di Verdellino, Ciserano, Osio Sotto, Verdello e Boltiere. Anche qui l’idea originaria era quella di un’urbanizzazione razionale per oltre 50 mila persone, fornita sia di servizi che di spazi industriali e ricreativi, in modo da evitare il pendolarismo. Ma i Comuni interessati iniziarono subito a litigare su chi avrebbe dovuti spendere per fornire i servizi, e in più con il 1973 arrivò la crisi. Tutto si fermò e lo stesso Zingone si trasferì altrove. Anche qui illegalità e ghettizzazione si sono imposte.  Anche Zingonia, con l’abbattimento delle famose Torri, è in via di riqualificazione.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

AirShip 002, il posto più originale dove soggiornare in Scozia


Che venga usato come casa, ufficio, studio o rifugio remoto, l'AirShip è una sorta di dirigibile di alluminio dove è possibile soggiornare in Scozia. Facile da montare e semplice da smontare, l'AirShip 002 permette di avere un rifugio lontano dal mondo ovunque si desidera. La futuristica struttura è anche su Airbnb e ce ne sono solo cinque esemplari in tutto il mondo.
Continua a leggere

Seal Cove Residence, la casa ad energia solare sulla remota isola di Isle Au Haut


Seal Cove Residence è una casa ad energia solare progettata dall'architetto Noel Fedosh di LUNO Design Studio come gesto d'amore per i suoi genitori. Sin da piccolo l'architetto faceva campeggio con la famiglia sull'isola di Isle Au Haut e qui ha deciso di costruire ai suoi genitori una residenza autosufficiente con tutti i colori e gli elementi che loro amano.
Continua a leggere

GerTent, la tenda che si ispira a una delle più antiche case nomadi dell’Asia


La grande stabilità della tenda tipica mongola incontra le innovazioni della tenda moderna per creare questa casa mobile, economica, più durevole nel tempo e confortevole, perfetta in tutte le stagioni. GerTent combina i vantaggi, le caratteristiche e la convenienza della tenda moderna con la praticità, la durata e il facile montaggio e smontaggio di un ger mongolo.
Continua a leggere

Mario Cucinella progetta l’Ekspozita Building, un’oasi verde nel cuore di Tirana


Nascerà nel centro di Tirana il nuovo edificio ad uso misto progettato da Mario Cucinella Architects. Il nuovo Ekspozita Building sarà completato entro il 2023 e raggiungerà i 93 metri di altezza. Al suo interno ci saranno spazi commerciali, residenziali e pubblici. L'edificio, con le sue linee curve, costituisce un'oasi verde nel cuore della città.
Continua a leggere

Mercato Centrale apre a Milano: ecco come sarà


Dopo Firenze, Roma e Torino, Mercato Centrale sbarca a Milano con oltre 25 botteghe del gusto e la migliore offerta gastronomica del territorio locale, regionale e nazionale. L'apertura è prevista per aprile 2020. Ieri è stato presentato il progetto che occuperà oltre 4.500 mq, su due livelli, della Stazione Centrale di Milano e abbiamo intervistato l’architetto Alberto Torsello che ci ha rivelato alcune caratteristiche del Mercato Centrale di Milano.
Continua a leggere

L’Hotel Cugò Gran Macina di Malta vince il German Design Circle Award


Si trova a Malta il boutique hotel vincitore del German Design Award, uno dei riconoscimenti internazionali più importanti nell’ambito del design. Si chiama Hotel Cugò Gran Macina ed è stato progettato dallo studio DAAA Haus che. dopo sette anni di lavori, è riuscito a trasformare una fortezza dei Cavalieri di San Giovanni in un albergo di lusso unico al mondo.
Continua a leggere

Aero Tiny, la casa mobile ricavata nella fusoliera di un aereo


Benvenuti nella casa mobile più singolare dell'Australia, si chiama "Aero Tiny" perché è ricavata all'interno di una fusoliera di aereo a doppia elica. All'interno dell'insolita abitazione c'è spazio per una camera da letto con salotto, una cucina e un bagno funzionante. La casa è alimentata da energia solare con acqua calda a gas per integrarsi perfettamente nella natura.
Continua a leggere

Il Serpentine Pavilion 2020 sarà donna. A realizzarlo le tre architette di Counterspace


Sumayya Vally, Sarah de Villiers e Amina Kaskar sono le tre architette selezionate per realizzare il Serpentine Pavilion 2020. È la prima volta nella storia dell'iconico padiglione temporaneo nel cuore dei Kensington Gardens che tre giovani donne under 30 ricoprano tale ruolo importante. Il loro Serpentine Pavilion 2020 è un omaggio alle "diversità" di Londra.
Continua a leggere