Mascherine e guanti abbandonati: si rischia la catastrofe ambientale a causa dell’inciviltà


Secondo un recente rapporto del Politecnico di Torino, in Italia durante la Fase 2 potrebbero servire 1 miliardo di mascherine e mezzo miliardo di guanti al mese, un numero enorme che potrebbe determinare la produzione di 440mila tonnellate di rifiuti entro la fine del 2020. Se non correttamente smaltiti, questi rifiuti possono innescare una vera e propria catastrofe ambientale.
Continua a leggere

Le particelle dello smog trasportano il coronavirus nell’aria: la conferma da scienziati italiani


Ricercatori della Società Italiana di Medicina Ambientale (Sima) hanno scoperto RNA virale del coronavirus SARS-CoV-2 sul particolato sottile PM10. Lo smog, dunque, può trasportare e diffondere il patogeno nell'aria. Ciò, tuttavia, non significa che si tratti di una carica virale sufficiente a scatenare l'infezione; dovrà essere dimostrato da studi ad hoc.
Continua a leggere

Cambiamenti climatici, il 2019 è stato l’anno più caldo della storia in Europa


Il rapporto European State of the Climate (ESOTC) pubblicato nel giorno della Terra ha confermato ufficialmente che il 2019 è stato l'anno più caldo di sempre in Europa, con una temperatura media di circa 2° C superiore rispetto all'epoca preindustriale. Il rapporto del Copernicus Climate Change Service (C3S) mostra anche che negli ultimi 20 anni ci sono stati 11 dei 12 anni più "roventi" della storia.
Continua a leggere

La pandemia di coronavirus ha dimezzato l’inquinamento in Europa


Grazie ai rilevamenti dello strumento TROPOMI installato sul satellite Sentinel 5P, gli scienziati della missione Copernicus hanno osservato un drastico calo dell'inquinamento sull'Europa per vie delle restrizioni rese necessarie dalla pandemia di coronavirus. Rispetto ai mesi di marzo/aprile dello scorso anno, nel 2020 risultano dimezzate le concentrazioni del biossido di azoto nell'atmosfera.
Continua a leggere

Cala l’inquinamento e l’Himalaya torna visibile: non accadeva da 30 anni


In India, per la prima volta in 30 anni, la catena montuosa del Dhauladhar è visibile a 200 km di distanza: la chiusura totale come protocollo di emergenza per fronteggiare l’epidemia di coronavirus sta facendo registrare un importante calo dell’inquinamento dell’aria nel Paese. Sui social lo stupore di alcuni residenti del Punjab che stanno condividendo foto e video del massiccio innevato.
Continua a leggere

Lo smog della Pianura Padana ha accelerato la diffusione del coronavirus


Una ricerca guidata da scienziati della Società italiana di medicina ambientale (Sima) ha trovato un'associazione tra i picchi di polveri sottili PM10 e PM2,5 nel Nord Italia e una diffusione accelerata dei contagi di COVID-19. Secondo gli esperti le polveri sottili fanno da "carrier" al patogeno, garantendogli di diffondersi meglio e più rapidamente. Ciò spiegherebbe la pioggia di contagi nella Pianura Padana.
Continua a leggere

Greta Thunberg boccia la legge Ue sul clima: «È una resa»

L'attivista svedese ha attaccato la nuova misura che punta a raggiungere emissioni zero nel 2050: «Rinunciate agli accordi di Parigi, alle vostre promesse e alla possibilità di fare tutto il possibile per dare un futuro sicuro per i vostri figli».

L’Ue ha ammesso «la resa». Parola dell’attivista svedese Greta Thunberg, ospite speciale della Commissione europea nel giorno in cui è in programma la presentazione della nuova legge sul clima. L’ideatrice dei “Fridays for future” ha criticato la nuova norma, in quanto in parziale contrasto con gli accordi di Parigi siglati nel 2015, che prevedevano di «limitare il riscaldamento globale al di sotto dei 2 gradi centigradi entro il 2020 e di portare avanti sforzi per contenere l’aumento a 1,5 gradi».

LEGGI ANCHE: Come convertire un negazionista del riscaldamento globale

GRETA THUNBERG: «AVETE RINUNCIATO AGLI ACCORDI DI PARIGI»

«Se la tua casa brucia, non aspetti qualche altro anno prima» di spegnere l’incendio, ha detto l’attivista nel suo intervento di fronte al Parlamento europeo, mentre è proprio «questo quello che la Commissione sta proponendo oggi. Nel momento in cui l’Ue presenta questa legge sul clima, con le emissioni zero entro 2050, indirettamente ammettete la resa: rinunciate agli accordi di Parigi, alle vostre promesse e alla possibilità di fare tutto il possibile per dare un futuro sicuro per i vostri figli».

LEGGI ANCHE: Gennaio 2020 è stato il più caldo di sempre, superato il 2016

GRETA THUNBERG: «L’UE HA L’OBBLIGO MORALE DI ESSERE LEADER SUL CLIMA»

Ma al centro dell’attacca non c’è solo la nuova legge sul clima. Sull’ambiente «l’Unione europea deve essere capofila: avete l’obbligo morale di farlo, oltre all’opportunità» di essere «il vero leader sul clima», ha spiegato Greta Thunberg. «La natura non scende a patti. Non potete fare compromessi con la fisica. Noi non vi consentiremo di rinunciare al vostro futuro».

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Coronavirus, drastico calo dell’inquinamento in Cina per l’epidemia: le immagini NASA


La quarantena imposta dal governo di Pechino a Wuhan e ad altre grandi città cinesi per impedire la diffusione del nuovo coronavirus (SARS-CoV-2) ha determinato un significativo crollo dell'inquinamento ambientale. Nello specifico, quello del tossico biossido di azoto, prodotto dal traffico e dalle industrie. Il fenomeno risulta evidente nelle mappe satellitari diffuse da NASA ed ESA.
Continua a leggere

La Cina potrebbe schierare un “esercito” di 100mila anatre contro l’invasione di locuste


Fino a 200 miliardi di locuste del deserto stanno distruggendo i raccolti e la vegetazione in diversi Paesi dell'Africa orientale e dell'Asia. Per scongiurare l'invasione dei voraci insetti, la Cina potrebbe inviare un "esercito" di 100mila anatre nel vicino Pakistan, già investito dalla piaga degli insetti. Ogni giorno, infatti, un'anatra può mangiare 200 locuste. Ma l'invio dei volatili non è certo a causa delle condizioni climatiche.
Continua a leggere

Antartico più caldo della Spagna, scienziati preoccupati: “Mai visto niente del genere”


Dopo la temperatura "infernale" di 18,3° C rilevata il 6 febbraio dai sensori della stazione scientifica Base Esperanza, in Antartide è stato raggiunto un nuovo, preoccupante record: domenica 9, infatti, le colonnine di mercurio installate dai ricercatori brasiliani del progetto Terrantar hanno raggiunto i 20,75° C, primato assoluto per la Regione Antartica.
Continua a leggere

Cambiamenti climatici, iceberg grande il doppio di Milano si è staccato da un ghiacciaio antartico


Il satellite Sentinel-1 del progetto Copernicus dell'Agenzia Spaziale Europea (ESA) e della Commissione europea ha documentato il distacco di un enorme iceberg dal ghiaccio di Pine Island, quello che in Antartide si sta sciogliendo più rapidamente di tutti. La massa di ghiaccio ha una superficie pari a circa 350 chilometri quadrati, come l'isola di Malta o il doppio di Milano.
Continua a leggere

Antartide, colonie di pinguini crollate fino al 77% in 50 anni: l’allarme di Greenpeace


Durante una spedizione condotta nell'Oceano Antartico, gli attivisti di Greenpeace e un gruppo di scienziati di due università americane hanno condotto un'indagine sulla salute delle colonie di pigoscelide antartico, una specie di pinguino. Dal monitoraggio è emerso che in soli 50 anni tutte le colonie hanno subito un drastico calo nel numero di esemplari; in alcuni casi le coppie riproduttive si sono ridotte del 77 percento.
Continua a leggere

A febbraio fa caldo come in primavera: cosa sta succedendo


Lo scorso 3 febbraio, a Cumiana, in Piemonte, è stata toccata la temperatura record di 27,3°C, mentre in Sicilia e lungo la costa adriatica le temperature massime degli ultimi giorni hanno oscillato tra i 20 e i 25°C. Si tratta di un vero e proprio anticipo di primavera, causato da un'ondata d'aria ad alta pressione proveniente dal Nord Africa. Cosa sta succedendo e quali sono gli effetti.
Continua a leggere

Mostruosa invasione di locuste in Africa: milioni di persone rischiano di morire di fame


Tra i 100 e i 200 miliardi di locuste del deserto stanno divorando le coltivazioni e la vegetazione dei Paesi del Corno d'Africa, già duramente colpiti da ondate di siccità e carestia. L'invasione degli insetti, intimamente connessa al riscaldamento globale catalizzato dai cambiamenti climatici, potrebbe portare a un'emergenza alimentare senza precedenti. Entro giugno il loro numero potrebbe crescere di 500 volte. È corsa contro il tempo dei governi e della FAO per arginare i famelici sciami.
Continua a leggere

Antartide, temperatura record di 18,3°C: cosa sta succedendo e quali sono i rischi


Il riscaldamento globale innescato dai cambiamenti climatici rappresenta una delle principali minacce all'umanità, e dai poli del nostro pianeta continuano a giungere segnali allarmanti. L'ultimo in ordine cronologico è la temperatura record di 18,3°C registrata dalla Base Esperanza nella Penisola Antartica. Ecco cosa sta succedendo e quali sono i rischi.
Continua a leggere

Australia, rischia di sparire anche l’ornitorinco: popolazioni sterminate da siccità e uomo


Un approfondito studio sullo stato di conservazione degli ornitorinchi suggerisce che questa iconica specie australiana sia fortemente minacciata, e che le popolazioni rischiano di crollare entro i prossimi decenni. Tra le principali minacce vi sono la devastante siccità, la distruzione dell'habitat naturale, la costruzione di dighe e la diffusione di predatori invasivi.
Continua a leggere

Anche il coronavirus è colpa del riscaldamento globale?


Col passare dei giorni aumentano costantemente sia il numero di contagiati che quello delle vittime provocati dal nuovo coronavirus emerso in Cina, 2019-nCoV. Ad oggi non si conosce ancora il "serbatoio" dal quale il virus ha compiuto il salto il di specie, ma fattori come il riscaldamento globale e la distruzione dell'habitat naturale potrebbero avergli reso la "vita" più facile. Ecco perché.
Continua a leggere

Orologio dell’Apocalisse: mancano solo 100 secondi alla fine del mondo. Mai così vicini


Le lancette dell'Orologio dell'Apocalisse si sono pericolosamente avvicinate alla mezzanotte, l'ora X che coincide con la fine del mondo causata dalle nostre stesse mani. Gli scienziati e gli esperti di geopolitica del Bulletin of the Atomic Scientists hanno infatti spostato in avanti le lancette di 20 secondi rispetto al 2019, e ora mancano solo 100 secondi all'apocalisse.
Continua a leggere

Gli Pfas alterano la coagulazione del sangue

Una ricerca italiana ha scoperto che queste sostanze inquinanti predispongono a un aumento del rischio cardiovascolare.

Individuato il legame tra inquinamento da Pfas, le sostanze chimiche che possono essere presenti in vernici, farmaci e presidi medici, e malattie cardiovascolari.

Una ricerca italiana ha scoperto che questi inquinanti possono attivare le piastrine, rendendole più suscettibili alla coagulazione e predisponendo a un aumento del rischio cardiovascolare.

La ricerca è dell’università di Padova sotto la guida di Carlo Foresta, ordinario di endocrinologia, con i gruppi di Luca De Toni e Andrea Di Nisio.

La ricerca, pubblicata sull’International Journal of Molecular Sciences, nasce dalle osservazioni riportate sia in studi internazionali che dal Servizio Epidemiologico Regionale del Veneto che indicano un aumento del rischio cardiovascolare associato all’inquinamento da Pfas, i composti perfluorurati che vengono utilizzati per rendere resistenti ai grassi e all’acqua molti prodotti, dai tessuti ai rivestimenti per contenitori di alimenti. In particolare, i ricercatori hanno mostrato che una di queste sostanze, lo Pfoa (acido perfluoroottanoico), il principale inquinante ambientale nel territorio veneto, “sarebbe in grado di attivare le piastrine, rendendole più suscettibili alla coagulazione, anche in condizioni normali, predisponendo a un aumento del rischio cardiovascolare”, spiega Foresta. Il risultato è stato ottenuto prima in vitro e poi confermato, in collaborazione con Paolo Simioni dell’università di Padova, grazie ai test su 78 persone con diversi livelli di esposizione a Pfas. I test “hanno confermato dei segnali di aumentata attivazione piastrinica con conseguente incremento della propensione all’aggregazione delle stesse”, rileva Foresta. “Questi dati – aggiunge – potrebbero spiegare l’osservazione epidemiologica tra Pfas e patologie cardiovascolari, soprattutto se sussistono altri fattori di rischio noti per queste patologie, come diabete, obesità, fumo e alcol”.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Obiettivo Terra, il contest fotografico che mostra le meraviglie d’Italia: come partecipare


Obiettivo Terra 2020, torna il contest fotografico che premia lo scatto che meglio racconta e rappresenta le meraviglie delle Aree protette del nostro Paese e che celebra la 50esima Giornata Mondiale della Terra. Vediamo insieme come e quando partecipare. Il vincitore riceverà 1.000 euro ed è prevista anche la Menzione Speciale 'Fanpage.it'.
Continua a leggere