Morra: affrontare la regolarità del voto a Salerno

“Nel rispetto delle indagini della magistratura, si dovrebbe affrontare la questione della regolarità del voto a SALERNO, non escludendo alcuna ipotesi”. Così un post del presidente della commissione Antimafia Nicola Morra in merito alle ultime inchieste nella città campana. “Domenica e lunedì si è votato per rinnovare il Consiglio comunale di SALERNO e per eleggere il sindaco. Ha rivinto l’uscente Vincenzo Napoli, espressione del Pd di De Luca, presidente della Campania. La procura di SALERNO, a urne chiuse e con indagini velocissime, ha chiesto ed ottenuto dal Gip – prosegue Morra – l’arresto di due persone, indagate per minaccia nei confronti degli operai della cooperativa San Matteo per costringerli a votare un candidato in una lista a sostegno del sindaco uscente Napoli. Le registrazioni erano state diffuse prima delle comunali da un consigliere uscente di Forza Italia. Il sindaco Napoli, adesso indagato in un’inchiesta relativa a mazzette in cambio di appalti, aveva prontamente detto: “È una fake news”. Ora sappiamo che era tanto fake da causare due arresti”. Morra, nel pubblicare la fotografia che ritrae il presidente della Regione Campania insieme al ministro degli Esteri Luigi Di Maio, al presidente della Camera Roberto Fico, al vicesegretario dem Giuseppe Provenzano e al sindaco eletto di Napoli Gaetano Manfredi, commenta: “Se penso a questa foto mi domando con chi in questi anni ho fatto una strada in salita e difficile…”.

Consiglia