Editoria: La fantascienza è sempre più letta e scritta dalle donne, anche in Cina

La fantascienza è sempre più letta e scritta dalle donne, anche in Cina

Con Future Fiction la narrativa di genere si tinge di rosa: Nuvole e nebbia di Regina Kanyu Wang

La fantascienza cinese, la cui storia può essere fatta risalire agli inizi del Novecento, ha ottenuto un'attenzione straordinaria a livello globale dal secondo decennio del XXI secolo. Le ragioni di questo notevole interesse sono molteplici: la progressiva influenza dei testi globali sugli scrittori cinesi, la crescita dei canali e delle opportunità di traduzione, l’emergente curiosità verso l’oriente e la Cina in particolare, la prosperità dell’industria cinese della fantascienza. In Italia, l’associazione culturale Future Fiction, un... - Leggi l'articolo

 

LIBRI - Editoria - 11 dicembre 2019 - articolo di Pietro Ballio

Editoria: Un mondo senza donne: arriva in edicola Il morbo bianco

Un mondo senza donne: arriva in edicola Il morbo bianco

Frank Herbert racconta quanto possa essere terribile la vendetta di un uomo che ha perso tutto.

Conosciutissimo per la fortunata serie Dune, l'autore americano Frank Herbert ha comunque al suo attivo diversi ottimi romanzi, tra cui una storia apocalittica su una terribile (e molto particolare) malattia. In quest'opera, una delle ultime scritte da Herbert, un inarrestabile contagio si diffonde in tutto il mondo, causando la morte di tutti i colpiti. Tema classico, quello che differenzia Il morbo bianco dai romanzi precedenti è che l'origine della malattia è artificiale e che ne vengono colpite solo le donne. Una raffinata vendetta che mette a rischio l'esistenza... - Leggi l'articolo

 

LIBRI - NARRATIVA - Editoria - 11 dicembre 2019 - articolo di Giampaolo Rai

Cinema: Lovecraft diventerà un universo cinematografico

Lovecraft diventerà un universo cinematografico

Alla fine di gennaio negli USA debutterà The Color Out of Space, ma per i produttori è solo l'inizio di una saga basata sull'universo di Lovecraft che vuole essere assolutamente fedele allo spirito e alle opere originali. Prossima fermata, Dunwich.

Circa un anno fa avevamo riportato la notizia che il racconto di H.P. Lovecraft Il colore venuto dallo spazio, pubblicato negli USA nel 1927 su Amazing Stories (e da noi attualmente da Edizioni BD collana J-Pop) sarebbe diventato un film intitolato The Color Out of Space ma sarebbe dovuto arrivare il 7 novembre di quest'anno per scoprire il primo trailer della storia ambientata ai giorni nostri che vede come protagonista l'iperattivo Nicolas Cage, nel ruolo di Nathan Gardner, il quale trasferitosi con la famiglia dalla città alla campagna, un giorno vede precipitare un piccolo... - Leggi l'articolo

 

CINEMA - Cinema - 11 dicembre 2019 - articolo di Leo Lorusso

Cinema: Il regista di Joker aggiorna lo stato di Joker 2 e della sua etichetta DC Black

Il regista di Joker aggiorna lo stato di Joker 2 e della sua etichetta DC Black

Esiste un sequel di Joker? Non ancora, ma la Warner sta dando tutto il tempo a regista e protagonista per pensarci, mentre lo stesso regista ha proposto un'idea fuori dai canoni per l'universo DC e ha già due personaggi in mente.

Joker ha concluso la sua corsa vittoriosa nelle sale mondiali con un incasso totale di 1,05 miliardi di dollari, a fronte di un budget di soli 55 milioni, rendendolo uno dei più film che ha  ottenuto il più alto margine di profitto rispetto ai più tradizionali film di supereroi (posto che Joker rientri nella categoria) il cui budget vanno dai 150 ai ben 300 milioni di dollari. Con un risultato del genere l'idea del sequel era diventata ovvia, e infatti il mese scorso erano arrivate a breve distanza due notizie molto diverse, mentre di recente il regista Todd... - Leggi l'articolo

 

CINEMA - Cinema - 11 dicembre 2019 - articolo di Leo Lorusso

Manovra, 15 mln per la lotta allo spaccio di stupefacenti: ok a emendamento di Salvini


È pari a 15 milioni di euro in tre anni (5 milioni l'anno dal 2020 al 2022) il contributo riconosciuto ai Comuni per il "finanziamento di iniziative di prevenzione e contrasto della vendita e cessione di sostanze stupefacenti". Lo prevede un emendamento alla manovra a prima firma Matteo Salvini, riformulato e approvato dalla commissione Bilancio del Senato.
Continua a leggere

Fallimento cooperativa e lucro oggettivo o lucro soggettivo


Cassazione 10.10.2019 n 25478 Ciò che rileva ai fini della fallibilità è il perseguimento del cd. lucro oggettivo, ossia il rispetto del criterio di economicità della gestione, dovendosi riconoscere il carattere imprenditoriale all'attività economica organizzata ricollegabile all'attitudine a conseguire la remunerazione dei fattori produttivi, rimanendo giuridicamente irrilevante lo scopo di lucro soggettivo.
Continua a leggere

Fondi Lega, Zingaretti: “Salvini dica la verità, sono soldi degli italiani”


Nicola Zingaretti, segretario del Pd, è intervenuto questa sera a 'Di Martedì', attacca Matteo Salvini a proposito degli sviluppi dell'indagine sui 49 milioni di fondi della Lega: "C'è un grande mistero. Mi spiace che la Lega ambisca a guidare il Paese e Salvini ride e dice 'non ne so nulla'. Non è bello, perché quelli sono soldi delle tasse dei cittadini che sono scomparsi. Ora l'indagine farà il suo corso ma bisognerebbe dire la verità".
Continua a leggere

No dei giudici alla proroga: l’Altoforno 2 dell’Ilva si ferma

Il tribunale di Taranto dice no alla richiesta dei commissari dell'impianto di rimandare lo spegnimento. Resta il ricorso al tribunale del Riesame.

Mentre governo e ArcelorMittal tentano di individuare un percorso condivisibile per arrivare a un nuovo accordo sul turnaround dell’ex Ilva, tutti gli stabilimenti dell’ultimo colosso siderurgico italiano, sono fermi per lo sciopero indetto dai sindacati. E una tegola arriva in serata: il tribunale di Taranto rigetta la richiesta di proroga per l’attività dell’Altoforno 2 avanzata dai commissari al tribunale di Taranto. Questo tradotto vuol dire il possibile inizio delle operazioni di fermata degli impianti dal 13 dicembre. Anche se c’è un ulteriore spiraglio: fare ricorso al Tribunale del riesame.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Safilo taglia 700 posti su 2.600: nel nuovo piano via un lavoratore su quattro

La ristrutturazione legata alla fine delle licenze del lusso Lvmh, inclusa quella con Dior. Aperto un tavolo negoziale coi sindacati.

Un piano industriale ‘lacrime e sangue’ con 700 dei 2.600 dipendenti in Italia dichiarati in esubero. In pratica quasi un lavoratore su quattro. Safilo, il gruppo di occhialeria fondato nel 1934 da Guglielmo Tabacchi e dal 2009 controllato dal fondo olandese Hal, ha comunicato il suo nuovo piano quinquennale, che fa leva su una profonda trasformazione digitale e su un drammatico ridimensionamento delle attività italiane.

EFFETTO DELLO STOP A LICENZE DI LVMH

La fine “delle licenze del lusso Lvmh“, inclusa quella con Dior, rende “necessario” un “piano di riorganizzazione e ristrutturazione industriale” con “conseguente riallineamento delle proprie strutture” al “nuovo scenario produttivo che l’azienda si troverà presto a dover gestire”. Dopo il 2021 Safilo, che ha circa 6.700 dipendenti a livello globale, perderà infatti circa 200 milioni di ricavi legati alle licenze con il colosso del lusso francese, che produrrà direttamente i suoi occhiali attraverso The’lios, la joint-venture con Marcolin.

APERTO UN TAVOLO NEGOZIALE CON I SINDACATI

Safilo, che accumula ininterrottamente perdite dal 2015, ha subito «aperto un tavolo negoziale» con i sindacati «al fine di individuare tutti gli ammortizzatori sociali disponibili per limitare gli impatti» sui dipendenti. «Nonostante il tentativo di far emergere soluzioni alternative» il piano ha «un impatto su un numero significativo di persone» ha ammesso l’ad Angelo Trocchia, impegnandosi a cercare le soluzioni “migliori” e più «responsabili» per i lavoratori.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

La legge sul Biotestamento è operativa: via libera alla banca dati per le Dat

Firmato il decreto attuativo per registrare le Disposizioni Anticipate di Trattamento. Speranza: «Ognuno ha una libertà di scelta in più».

Era l’ultimo tassello ancora mancante: la Banca dati nazionale per le Disposizioni Anticipate di Trattamento (Dat) era l’anello cruciale per rendere finalmente operativa la legge sul Biotestamento. Oggi, il ministro della Salute Roberto Speranza ne ha firmato l’atteso decreto attuativo ed «ora la legge è operativa». Una notizia accolta con favore dall’Associazione Luca Coscioni, che proprio per questo decreto aveva prima diffidato il ministero e poi fatto ricorso al Tar Lazio.

FIRMATO IL DECRETO SULLA BANCA DATI NAZIONALE

«Ho appena firmato il decreto sulla Banca dati nazionale per le Dat. Con questo atto la legge sul Biotestamento approvata dal parlamento», ha affermato Speranza, «è pienamente operativa e ciascuno di noi ha una libertà di scelta in più». La legge del 2017 sul Biotestamento regolamenta infatti le scelte sul fine vita, stabilendo che in previsione di un’eventuale futura incapacità di autodeterminarsi ci sia la possibilità per ogni persona di esprimere le proprie volontà in materia di trattamenti sanitari, nonché il consenso o il rifiuto su accertamenti diagnostici, scelte terapeutiche e singoli trattamenti sanitari, inclusi l’alimentazione e l’idratazione artificiali.

COME FUNZIONA LA BANCA DATI

Fondamentale è però l’istituzione della Banca dati destinata alla registrazione delle Dat, prevista per legge: il decreto firmato oggi da Speranza definisce appunto i contenuti informativi della Banca dati, i soggetti che concorrono alla sua alimentazione, le modalità di registrazione e di messa a disposizione delle Dat, le garanzie e le misure di sicurezza da adottare nel trattamento dei dati personali, le modalità e i livelli diversificati di accesso. Il provvedimento ha concluso il previsto iter amministrativo che ha visto, tra l’altro, l’acquisizione del parere del Garante per la protezione dei dati personale, l’intesa in Conferenza Stato-Regioni e il previsto parere del Consiglio di Stato. La Banca dati verrà alimentata con le Dat raccolte dagli ufficiali di stato civile dei comuni di residenza dei disponenti, dai notai e dalle Regioni che abbiano, con proprio atto, regolamentato la raccolta di copia delle Dat. Anche i cittadini italiani residenti all’estero potranno far pervenire la propria Dat alla banca dati nazionale attraverso le rappresentanze diplomatiche o consolari italiane all’estero.

POTRANNO ACCEDERE SOLO I MEDICI CHE HANNO IN CURA IL PAZIENTE

Ma chi potrà accedere alla Banca dati? Potranno farlo i medici che hanno in cura il paziente in situazione di incapacità di autodeterminarsi, il fiduciario (indicato dal medesimo disponente) ed il disponente stesso, tramite identificazione con il Sistema Pubblico di Identità Digitale (Spid) che garantisce la sicurezza dell’accesso. Le Dat precedentemente depositate presso Comuni, notai e rappresentanze diplomatiche o consolari italiane all’estero saranno acquisite nella banca dati nazionale entro sei mesi dall’attivazione della stessa. L’intero sistema, dunque, dovrebbe diventare operativo a breve, fati salvi i tempi tecnici necessari. Proprio per la realizzazione della Banca dati, la Legge di bilancio 2018 aveva stanziato 2 milioni di euro.

LE DAT IMMEDIATAMENTE CONSULTABILI

Le Dat sono rinnovabili, modificabili e revocabili: «Le Dat depositate presso Comuni o notai», spiega il segretario dell’Associazione Coscioni Filomena Gallo, «saranno finalmente immediatamente consultabili dai medici in caso di bisogno, in qualsiasi struttura sanitaria del territorio nazionale». Per completare l’applicazione della legge 219/2017 sul Biotestamento, conclude, «occorre però ora una grande campagna informativa a favore dei cittadini».

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Grandinata e tromba d’aria a Cirò Marina, il sindaco salva gli studenti rimasti chiusi a scuola


Il comune di Cirò Marina, in Calabria, messo in ginocchio dal maltempo: oggi si è verificata una maxi grandinata che ha creato danni e disagi oltre a una tromba d'aria che ha colpito la zona di Punta Alice. Il sindaco Francesco Paletta ha salvato con la sua auto gli studenti della scuola media rimasti bloccati a scuola a causa della tempesta.
Continua a leggere

Paura a Piacenza, scontro tra treni e forte boato: quattro feriti e circolazione sospesa


Incidente alle porte della stazione ferroviaria di Piacenza dove si sono scontrati un treno merci e un regionale di Trenitalia carico di pendolari. Il bilancio è di quattro feriti, ma non sarebbero in pericolo di vita. Disagi alla circolazione, che è stata sospesa tra Piacenza e Piacenza Ovest con numerosi ritardi e cancellazioni.
Continua a leggere

Ritrovato quadro a Piacenza: potrebbe essere il Klimt rubato nel 1997

La tela è stata rinvenuta nell'intercapedine di una parete della Galleria d'arte moderna Ricci Oddi. L'ipotesi è che si tratti di "Ritratto di Signora", e che i ladri non l'abbiano mai recuperata.

Potrebbe essere stato ritrovato il dipinto di Gustav Klimt Ritratto di Signora rubato nel 1997 alla Galleria d’arte moderna Ricci Oddi di Piacenza. Durante i lavori di ripulitura di un’edera che copriva una parete esterna della stessa Galleria, si è scoperta un’intercapedine chiusa da uno sportello, all’interno della quale c’era un sacco, con dentro il quadro. Una prima expertise, a quanto si apprende, avrebbe confermato che si tratta dell’opera rubata, una delle più ricercate al mondo. Sono in corso ulteriori analisi per certificarne l’autenticità.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Quadro ritrovato a Piacenza: forse è il “Ritratto di Signora” di Klimt rubato 23 anni fa


Potrebbe essere il "Ritratto di Signora" di Gustav Klimt il quadro scoperto oggi alla Galleria d'arte moderna Ricci Oddi di Piacenza. Rubato all'interno della stessa galleria nel 1997, rappresenta una delle opere più ricercate del mondo. Un esperto ne avrebbe già confermato l'autenticità, ma saranno effettuati altre analisi per dissipare ogni dubbio.
Continua a leggere

I sindaci in marcia contro l’odio e per Liliana Segre

Seicento primi cittadini in corteo a Milano per sostenere la senatrice sopravvissuta all'Olocausto. Da Gori ad Appendino, per la Lega c'è il responsabile degli enti locali Locatelli.

Seicento sindaci in marcia, con la fascia tricolore, in segno di solidarietà alla senatrice vittima dell’Olocausto Liliana Segre. È iniziato da piazza dei Mercanti, a Milano, il corteo di sostegno alla senatrice a vita sopravvissuta all‘Olocausto, oggi sotto scorta per le ripetute minacce antisemite. Alla manifestazione, promossa dal sindaco di Milano Beppe Sala con il sindaco di Pesaro Matteo Ricci e organizzato da Anci, Ali e Upl, partecipano circa 600 sindaci in fascia tricolore delle grandi città ma anche delle medie e piccole amministrazioni, provenienti da tutta Italia e di diversi schieramenti politici.

BELLA CIAO E APPLAUSI IN GALLERIA VITTORIO EMANUELE

Passando sotto la Galleria Vittorio Emanuele II, il corteo ha intonato Bella Ciao. Al passaggio del corteo le persone schierate ai lati della Galleria applaudono la senatrice a vita, affiancata dai sindaci di Milano e Pesaro, Giuseppe Sala e Matteo Ricci, e urlano il suo nome in segno di sostegno

DA APPENDINO A GORI, FINO AL RESPONSABILE ENTI LOCALI DELLA LEGA

Al corteo partecipano, tra gli altri, i sindaci di Milano Beppe Sala, di Torino Chiara Appendino, di Palermo Leoluca Orlando, di Bologna Virginio Merola, di Bari Antonio Decaro, di Parma Federico Pizzarotti e di Bergamo Giorgio Gori. In prima fila anche il responsabile enti locali della Lega, Stefano Locatelli, sindaco di Chiuduno (Bergamo). I sindaci reggono un striscione giallo con scritto «L’odio non ha futuro», titolo della manifestazione.

UNA MARCIA SENZA SIMBOLI E BANDIERE

La marcia, senza bandiere o simboli di partito, si muove verso Piazza Duomo, attraversa la Galleria Vittorio Emanuele per poi fermarsi in Piazza Scala, davanti Palazzo Marino, sede del Comune di Milano, dove è previsto l’intervento della senatrice Segre, che sarà l’unica a prendere la parola al termine della manifestazione.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

Biotestamento, arriva (con 2 anni di ritardo) la banca dati nazionale: si potrà applicare la legge


Il ministro della Salute Roberto Speranza ha firmato il decreto sulla Banca dati nazionale per le Disposizioni anticipate di trattamento (DAT): "Con questo atto la legge sul biotestamento approvata dal Parlamento è pienamente operativa e ciascuno di noi ha una libertà di scelta in più". Associazione Coscioni: "Ora parta una campagna informativa".
Continua a leggere

Bahmet perde 6-0 6-0 senza fare un punto. La peggior sconfitta di sempre del tennis


Nel torneo ITF di Doha l'ucriano Artem Bahmet ha perso 6-0 6-0 contro il tailandese Krittin Koaykul. L'incontro è durata appena 22 minuti. Bahmet non ha fatto nemmeno un punto e per questo il ko di Bahmet rappresenta la peggior sconfitta di sempre nella storia del tennis. Ci sono però grossi sospetti su questo incontro. In Spagna c'è chi pensa che dietro il ko dell'ucraino ci sia stato un giro di scommesse.
Continua a leggere

“Non usate l’alluminio per avvolgere cibo per i bimbi”: l’allarme del Ministero della Salute


L'allarme lanciato dal Comitato sicurezza alimentare con una nota e un video pubblicati sul portale del Ministero della Salute: secondo gli esperti, l'alluminio presente nelle vaschette metalliche e nei figli di carta stagnola, può facilmente migrare negli alimenti e "portare a un superamento della dose massima stabilita" con un conseguente e potenziale rischio per la salute per fasce vulnerabili della popolazione, come bambini e donne incinte: le raccomandazioni.
Continua a leggere

A12, schianto in galleria tra Sestri e Lavagna: due feriti gravi e traffico in tilt


Due persone sono rimaste ferite in maniera grave dopo un violento schianto che ha coinvolto due auto e un furgone portavalori nel tratto tra Sestri Levante e Lavagna della A12 , nella città metropolitana di Genova. Secondo una prima ricostruzione dell’accaduto, sembra che lo schianto sia avvenuto quando il furgone portavalori, per cause ancora da accertate, ha tamponato l'auto che lo precedeva.
Continua a leggere

Maltempo, arriva la neve: dove e quando nevicherà (anche in pianura)


Arriva la neve sulla penisola. I fronti perturbati troveranno le condizioni ideali per far nevicare fino a quote pianeggianti. Secondo gli esperti meteo le fasi più propizie alle possibili nevicate fino in pianura si concentreranno tra mercoledì 11 dicembre e giovedì 12, quando soprattutto in Emilia Romagna la neve potrebbe fare capolino in pianura.
Continua a leggere

Morto il guru di Stamina Davide Vannoni

Era malato da tempo. Aveva 53 anni. Aveva cercato di accreditare con i malati una terapia contro le patologie neurodegenerative non riconosciuta efficace scientificamente.

Il guru di Stamina, Davide Vannoni è morto. Vannoni, inventore di una terapia con le cellule staminali per la cura delle malattie neuro degenerative mai riconosciuta come efficace a livello scientifico, è deceduto all’età di 53 anni. Malato da tempo, era ricoverato in ospedale. Proprio per il tentativo di accreditare ai malati la sua terapia, l’uomo era stato al centro di diversi procedimenti giudiziari.

Leggi tutte le notizie di Lettera43 su Google News oppure sul nostro sito Lettera43.it

“La dote per le nozze è bassa”. Violentata dal fidanzato e dai suoi amici, poi bruciata viva


L'adolescente ha subito il 90% di ustioni al corpo dopo essere stata stuprata e bruciata viva. La sua famiglia afferma che la giovane sarebbe stata prigioniera per mesi del suo fidanzato 23enne a Shantirbazar. Il ragazzo e la madre si sarebbero lamentati per la doto offerta dai familiari della 17enne in vista del matrimonio. E così avrebbero architettato la tremenda vendetta.
Continua a leggere